Shekkaballah's Suggestions

A simple and real vegan life

Latte versato

20130403-154357.jpg

Inverosimile la situazione di stallo attuale delle cose, comporta delle riflessioni. Non amo le soluzioni eterodirette, per questo non amo quell che accade in parlamento e non voglio parlarne.

Mentre si preoccupano tutti di come dividersi la torta, nuovi o vecchi, noi giovani lavoratori, non vediamo nemmeno la Lucian della lampadina che illuminava il tunnel buio e profondo nel quale ci hanno ficcati.

Ovviamente le promesse fatte in campagna elettorale per rilanciare il paese, creare occupazione, si sono sgretolate davanti all’interesse unicamente personale di sedersi e dire agli altri come fare. Grillo, Bersani e Berlusconi si stanno comportando esattamente nello stesso identico modo.

Quello che più di tutti é Grillo a mio avviso. Non per altro, ma sta proprio sbagliando una sola cosa, ma fondamentale. La coerenza é uno strumento non un fine. Essere coerenti non deve essere lo scopo. Ma si deve raggiungere uno scopo con coerenza. Questo é quello che si deve capire.

La situazione ogni giorno é peggiore, fabbriche chiudono, imprenditori si uccidono, operai muoiono di fame, aziende chiudo e impiegati elemosinano davanti le chiese. La cosa più importante per i dirigenti di oggi però resta solo avere ragione.

Chi sarà incaricato e chi avrà il potere sarà quello che aveva ragione. E che mangerà più voti alle prossime, imminenti, elezioni. Così facendo il gioco circense della politica si sta maggiormente allontanando dalla politica che aveva trovato al momento del verdetto elettorale il primo punto di contatto dopo anni di inascolto tra politica e società civile.

È invece con giochi più o meno leciti, di palazzo, politichesi, anche i grillini come gli altri si stanno avvitando in un macabro equilibrismo tra parole, istituzioni, cittadini, e parlamentari.

Quando il comico tedesco due giorni fa dice: “sapete perché Papa Francesco ha fatto il discorso di Pasqua in italiano? Perché é ala lingua dei poveri”.

All’inizio un po’ mi sono sentito offeso. Poi ho capito che non ha capito un cazzo. L’italiano é la lingua dei poveracci, non dei poveri.

Ma abbiamo votato noi. Chi é causa del suo mal, pianga se stesso.

Annunci

7 commenti su “Latte versato

  1. mamy Graziella
    4 aprile 2013

    Sono d’accordo,ma cosa possiamo fare di fronte a tanto EGOISMO!!!!

    • shekkaballah
      4 aprile 2013

      Come scrivo sotto abbiamo votato noi. Molti dopo l’esito delle votazioni hanno detto: ho sbagliato a dare il voto a quello o a quel l’altro. Il gioco é guardare all’Italia che vorremmo e non valutare in base a quello sentiamo in tg e talk show. Guardare i programmi e basta. Fidarsi di chi ci rappresenta, perché non possiamo controllare costantemente. Si vota non per demandare ma per incaricare. Una volta incaricato si deve lasciar fare, se si sbaglia si punisce. Ma tenere sotto controllo si diventa come quella madre che non lascia spazio al figlio di sbagliare e quindi di agire.

      • erbaviola
        4 aprile 2013

        se la gente guardasse realmente i programmi – cosa che non fa affatto – si renderebbe conto che le panzane urlate dal comico le propone da trent’anni gente come come Ferrando. Con rispetto per entrambe e per chi li sceglie (soprattutto Ferrando, un po’ meno il comico) trovo veramente cretine e ignoranti entrambe le scelte, fatte appunto da un popolo di ignoranti profondi in materia di economia, diritto e politica.

  2. erbaviola
    4 aprile 2013

    Parere mio, aveva trovato un punto di illusione, non di contatto. Purtroppo, era tutto largamente prevedibile e previsto con disillusione da qualche mente meno facile all’esaltazione da urla e parolacce.
    Io non ho da piangere me stessa, affatto, ma a volte mi chiedo perché resto in un paese così facile all’istigazione di massa e all’illusione a prezzi stracciati…

    • shekkaballah
      4 aprile 2013

      Il piangere non é singolo ma collettivo, ognuno dei votanti come i rappresentanti sente di fare la cosa giusta o di averla fatta. Anch’io sostengo sia stata un’illusione ma, fondamentalmente, il contatto c’é stato. Maggiore impegno politico da parte dei grillini come dei leghisti. Cose viste e riviste. Ma come diceva Indro Montanelli: l’italiano é un eterno contemporaneo. Non credo le cose muteranno tanto…

      • erbaviola
        4 aprile 2013

        purtroppo sì. E purtroppo non in meglio.

      • shekkaballah
        4 aprile 2013

        Io pensavo che la caduta del muro di Berlino potesse risuonare con forte eco ancora oggi. Ahimè in Italia siamo a Giolitti prima del ventennio. Stesse idee e stesse dinamiche. Con rappresentanti molto meno capaci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Spacciatore di Pastamadre

Aggiornamenti Twitter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 619 follower

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: