Poesia del 1 Maggio


Ho fatto un sogno.
Tutti, in questo sogno, eravamo in una grande mensa.
Tutti seduti a conversare con i nostri vicini. C’era gente che veniva da tutto il mondo.
Tutti mangiavano, tutti avevano di che mangiare.
Bianchi, neri, gialli, rossi, alti bassi, tutti lì a parlare come se non esistesse differenza
Tutti nel piatto avevano cibo, tutti potevano mangiarlo
Tutto era kasher, halal, vegan, macrobiotico, tutto insieme, tutto fuso, tutto per tutti.
Ogni posto era accessibile, ogni piatto e ogni bicchiere era colmo.
Ogni persona conosceva la lingua dell’altro.
Ogni cultura parlava la lingua dell’altro.
Ogni religione era seduta accanto all’altra dimenticando la propria alterigia e presunzione dell’essere l’unica, sola e vera.
Mi guardavo intorno, sorridevo,
era bellissimo
“E’ il paradiso” mi dissi.
“Potrebbe esserlo se ogni uomo vedesse davanti a se un uomo e non le categorie che, anche tu, hai usato seppur per eliminarle” mi dissero

3 pensieri riguardo “Poesia del 1 Maggio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...